Translate

lunedì 22 novembre 2021

domenica 21 novembre 2021

LA PERCEZIONE DI PANTELLERIA IN UNA PAGINA DI GIOSUE' CALACIURA

Il varo della motobarca "Francesco Rizzo",
destinata dal 20 giugno del 1954
al collegamento fra Trapani e Pantelleria.
Foto tratta da "Sicilia Turistica"
del luglio-agosto del 1954


Emergente dal Mediterraneo dai colori più cupi - il viola della sera , il blu della notte - Pantelleria è isola che da sempre attrae o sgomenta chi, per scelta o per ventura, abbia l'occasione di arrivarvi. In "Pantelleria. L'ultima isola" ( Editori Laterza, 2016 ), Giosuè Calaciura ne racconta l'anima, sottolineando l'immediata percezione del carattere estremo di una roccia vulcanica dal perimetro di 51 chilometri; un continente aspro e tagliente, distante 70 dall'Africa e 110 dalla Sicilia:

"Dai traghetti si percepisce subito che questo non è il mare addomesticato dei nostri arcipelaghi a portata di aliscafo, dove le agavi si specchiano come Narcisi nelle baiette placide dei bagni estivi e basta una voce per richiamare i bambini al pranzo dei ristoranti Miramare costruiti sulla  sabbia delle spiagge. Qui non ci sono spiagge. Il mare tra l'isola madre e Pantelleria con mezze parole, sicilianamente, fa intuire che è capace di furie oceaniche perché sta a guardia di due continenti e ha consumato e consuma avventure dello stesso respiro...

... Infine all'arrivo, entrando in porto, scansando gli scogli affioranti del molo cartaginese a ribadire che a Pantelleria l'approdo bisogna desiderarlo fortemente, nel sintomo conclamato e violento del nero ossidiana e del verde fosforescente dello Zibibbo, l'uva che altrove chiamano Moscato d'Alessandria, l'angoscia inesprimibile di avere messo nell'estremo conclusivo della Creazione e nello stesso tempo nel laboratorio dove la Natura sperimenta se stessa e il suo atto definitivo. Per alcuni il malessere è diventato panico..."

sabato 20 novembre 2021

VECCHIE CASE DI PALERMO DI TOTO' BONANNO

 








L'IGNOTA SORTE DELLA COPPA LIPTON VINTA DAI PIONIERI DEL PALERMO

Il capitano del Palermo, Ernesto Barbera
con la Coppa Lipton
trofeo andato disperso a Palazzo Riso.
Da messinastory1900.altervista.org


Tra i non pochi contributi inglesi alla storia siciliana fra Ottocento e primi anni del Novecento c'è anche quello che riguarda la diffusione del "football". Palermo, in particolare, offriva all'epoca residenza ad una comunità britannica pronta a sfruttare le risorse garantite dal commercio dello zolfo e del vino dolce di Marsala; legato a questi traffici, c'era poi un discreto movimento in porto di equipaggi di navi inglesi e maltesi già esperti nell'uso dei primi palloni in cuoio. Nelle soste fra un viaggio e l'altro, si ritrovavano in uno spiazzo pianeggiante chiamato il "pantano" - non lontano dall'ingresso del porto - offrendo ai palermitani il primo spettacolo organizzato di calci verso due rudimentali porte contrassegnate da pietre.  C'erano insomma le condizioni perché il "football" diventasse merce di importazione nell'Isola. Così, alla fine del 1897, su iniziativa di Giuseppe Whitaker nacque l'"Anglo Panormitan Football Club", con sede all'interno di Palazzo Mazzarino, in via Maqueda

La formazione del Palermo nel 1898.
Foto tratta dal quotidiano "Telestar" del 12 giugno 1968


Lo stesso Whitaker ne fu presidente; l'inglese Blake fu designato allenatore e insieme ad un consiglio direttivo furono scelti due guardialinee, i fratelli Crescimanno. Sono noti anche alcuni nomi dei primi giocatori: gli inglesi Pen ( agente in città della scozzese "Anchor Line" ), Woodrow Normann, il diplomatico francese De Gaston, il cavaliere Giorgio Anzon, il conte Guido Airoldi, Corrado e Valentino Colombo, Vincenzo, Roberto e Michele Pojero, Ignazio Majo, ed ancora Di Stefano, Macaluso, Giaconia, Cafiero e Cimino.   I primi colori sociali - copiati da quelli del Genoa, allora la più forte squadra italiana - furono il rosso ed il blu a quarti sulle maglie. Il campo di gioco si trovava nell'attuale zona fra la via Notarbartolo e Villa Sperlinga, su un terreno degli stessi Whitaker. Pochi mesi dopo - nell'aprile del 1898 - la denominazione della società diventò "Palermo Foot-ball and Cricket Club". Cambiò anche il luogo dove si disputavano le partite: il campo del Ranchibile, munito di regolari porte e di due rudimentali tribune per il pubblico.


 

Si deve al giornalista sportivo Mario Pasta una delle prime ricostruzioni dei primordi del club; ne scrisse nel giugno del 1968 sul quotidiano palermitano "Telestar", fornendo anche una ( ma non è l'unica ) spiegazione sulla particolare colorazione rosanero in seguito adottata nelle maglie:

"Durante una riunione a Palazzo Mazzarino i convenuti scorsero dalle finestre di una delle sale dell'abitazione dei Whitaker alcune vecchie maglie stese ad asciugare al sole. Per effetto delle frequentissime lavature, il rosso si era notevolmente stinto ed il blu aveva assunto un colore più scuro. Il rosa ed il nero furono quindi proposti come una trasfigurazione del rosso e del blu..."

L'attività dei primi anni rimase circoscritta a partite fra gli stessi soci o con squadre di marinai in transito dal porto. Nel 1903, si ricorda il primo evento memorabile nella storia del team rosanero: un incontro con i marinai inglesi della squadra navale inglese comandata dall'ammiraglio Willins. Furono disputate due partite, entrambe perse per 2 a 1 e 7 a 1, a dimostrazione della indiscussa superiorità britannica nel calcio di quegli anni. Nel frattempo a Messina - altra città portuale aperta alle frequentazioni inglesi - nel 1905 sorgeva un'altra società calcistica siciliana, denominata "Messinese": fu l'occasione per dare vita ad i primi accesissimi derby regionali, organizzati grazie all'istituzione di una Coppa Whitaker, messa in palio dallo stesso presidente del Palermo. La "Messinese" si rivelò tenace rivale, ma perse in casa per 3 a 1; dopo la vittoria, la foto ricordo dei giocatori rosanero - alcuni dei quali in abiti borghesi - fu scattata non sul campo, ma in uno studio fotografico. A testimonianza del pionierismo del calcio d'inizio Novecento, occorre ricordare che per raggiungere Messina appena in tempo per la partita, la squadra del Palermo si sobbarcò un viaggio di due giorni.

Il Palermo in campo nel 1903.
Fotografia tratta da "Telestar", opera citata


La pratica del football dilagava ormai in tutta Italia, alimentando la diffusione di tornei che, pur non potendo considerarsi dei veri e propri campionati nazionali, cominciarono a creare le prime rivalità calcistiche. Il Palermo fu il protagonista di uno di questi eventi, che, indirettamente, creò le premesse per un episodio diventato un "giallo" di natura non sportiva. Le premesse furono l'organizzazione di una sorta di Coppa dei Campioni fra i rosanero ed il Napoli, frutto di un'iniziativa di sir Thomas Lipton, a seguito del suo sbarco a Palermo nell'aprile del 1907:  vicenda così raccontata da Mario Taccari in "Palermo l'altro ieri" ( S. F. Flaccovio Palermo, 1966 ):

"Non si trattava ancora di attribuirsi un titolo e di cucirsi addosso uno scudetto, ma di guadagnarsi la mastodontica coppa che un ricchissimo estimatore delle imprese muscolari - manco a dirlo: un inglese - aveva appositamente fatto eseguire destinandola a premiare la società calcistica campione del Sud. L'ultima volta che ci avvenne di rivederlo, questo trofeo che nessuno sa più dove sia andato a finire, fu intorno al 1940, a Palazzo Riso, sede della federazione provinciale fascista ( a Palermo, n.d.r ). La rilevante mole argentea della 'Lipton Challenge Cup' posava su un solido piedistallo e si proporzionava alla vastità del salone che le dava ricetto. Era un bel lavoro artigianale di gusto liberty, adorno di non poche figurine simboliche sistemate a far corona alla statuina di un baffutissimo  calciatore in mutandoni, ergentesi al sommo del trofeo come un Leonida sulla più alta vetta dei monti di Tessaglia. La coppa senza rivali era stata posta in palio, dicevamo, da un creso delle isole britanniche, Lord Lipton, capitato a Palermo con suo panfilo, il cui equipaggio si trasformava spesso e volentieri in un agguerrito team calcistico. Quel personaggio ch'egli era, imbevuto d'anglico orgoglio, aveva vissuto nella pacifica persuasione che il football inglese fosse imbattibile e quando il Palermo nato ieri gli aveva strapazzato la squadra di bordo infliggendole una mezza dozzina di goals, il Lipton era rimasto, diremmo, folgorato dalla rivelazione di un 'wonderteam' che, a suo giudizio, avrebbe sbalordito il mondo calcistico tutto intero. Che si ingannasse a partito la storia adesso lo dice; ciò non toglie che gli sportivi palermitani debbano conservare grata memoria del prodigio baronetto che aveva creduto di potere affidare ai rosanero la difesa della ingombrante coppa intitolata a suo nome e che sembra gli costasse non meno di seimila lire: più di due milioni di adesso. Il trofeo fu disputato, come si è visto, tra Palermo e Napoli e furono i rosanero ad aggiudicarselo definitivamente nell'anno 1910 battendo gli azzurri del Vesuvio per quattro reti a una. Precisano i cronisti che i goleadors palermitani furono i signori Bonanno, Schimicci e Cambrici..."



La scomparsa della monumentale Coppa Lipton, conquistata dai rosanero nel 1915 - uno dei pochissimi trofei vinti dal Palermo nella sua ultra secolare storia - ha sottratto alla memoria la testimonianza del periodo pionieristico della sua storia. Sulla sorte, è possibile fare solo qualche supposizione: quella di un avvenuto furto, o di una perdita legata alla devastazione subita da Palazzo Riso durante i bombardamenti alleati. Qualunque sia la verità sulla fine di quello storico trofeo, è certo che l'attuale livello della squadra rosanero esclude l'ipotesi di poter riporre in una bacheca nuove coppe.   

giovedì 11 novembre 2021

ERCOLE PATTI ED UN REPORTAGE FRA GLI AMBULANTI SULLO STRETTO DI MESSINA

Fotografia di Federico Patellani.
Opera citata nel post


Nel maggio del 1952 Ercole Patti attraversò lo Stretto di Messina a bordo di uno dei traghetti che quotidianamente, dal 1 novembre del 1899 - fatti salvi eventi bellici o naturali - collegano la Sicilia alla Calabria. Colpì l'attenzione dello scrittore catanese la presenza a bordo di gruppi di pendolari del piccolo commercio alimentare: venditori di frutta, verdura o animali da cortile, personaggi dimenticati dell'economia rurale siciliana di quegli anni. Di loro, Patti così scrisse in un reportage - il titolo, "Arrivo nell'isola" - pubblicato nel dicembre dello stesso anno da "L'Illustrazione Italiana" in un fascicolo speciale natalizio dedicato alla Sicilia:

"Un curioso odore di Oriente circola nei sottopassaggi fra le travature metalliche del ponte inferiore che è pieno di folla. Donne con grandi cesti di frutta, di verdura, sacchetti, canestri, involti, panieri, hanno invaso i binari facendoli sparire sotto le loro vesti colorate e i loro variopinti bagagli. Tutta gente che svolge il suo quotidiano piccolo commercio tra Villa San Giovanni e Messina, tra Reggio Calabria e Messina. Vanno vendere i fichi, l'uva o l'insalata, secondo la stagione, facendo la spola tra l'isola e il continente.



Basta un cestino di uova fresche, pochi grappoli di uva o un paio di pollastri vivi legati per le zampe caldissime come avessero la febbre a trentanove, per giustificare la traversata del profondo mare che divide la Sicilia dall'Italia. Quasi a tutte le ore c'è un traghetto che parte e uno che torna tra Messina, Reggio e Villa, e sono tutti affollati. Le grosse macchine straniere dirette a Taormina o ad Agrigento, sistemate accanto ai vagoni incatenati al ponte, emergono tra una folla di panieri, galline e valige legate lo spago...



I turisti stranieri hanno tirato fuori dagli astucci di cuoio binocoli e macchine fotografiche e prendono di mira la costa siciliana; piazzano treppiedi, fanno ronzare apparecchi, girano manovelle. I siciliani che rientrano dal Nord passeggiano sul ponte e cominciano a fiutare l'aria nativa. Il dialetto circola per i ponti e le scalette del battello, fiorisce sulle labbra degli agenti di servizio. L'accento messinese del controllore che attraversa il ponte luminosissimo invaso dalla gran luce del mattino, si riconosce subito, non può lasciare dubbi..."

martedì 26 ottobre 2021

IL PROSSIMO VOLO DEI GRIFONI NEL PARCO DELLE MADONIE

Uno dei grifoni
ospitati nella voliera ad Isnello.
Foto Ernesto Oliva-ReportageSicilia


Sterminati dall'ingestione di stricnina aggiunta alle esche utilizzate per uccidere volpi e gatti selvatici - carogne poi diventate loro cibo - nel 1965 i grifoni scomparvero dai cieli della Sicilia. Fu una delle tante perdite del patrimonio faunistico dell'Isola, in anni in cui la completa assenza di una sensibilità per la tutela del territorio e della natura provocò danni ambientali irreparabili. Nei primi anni 2000, un tentativo di ripopolamento dei grifoni nell'area del Parco dei Nebrodi diede risultati positivi: una ventina di esemplari importati dalla Spagna trovarono il loro habitat ideale nel territorio di Alcara Li Fusi e delle Rocche del Crasto



Oggi la colonia di grifoni del messinese raggiunge le 170 unità; fra qualche anno, il ripopolamento potrebbe restituire questi rapaci anche al Parco delle Madonie, territorio che in passato è stato uno dei siti più frequentati dai grifoni in Sicilia. Il progetto per la loro reintroduzione è stato avviato pochi giorni fa nel territorio di Isnello. Una ventina di esemplari provenienti dal Parco dei Nebrodi sono stati posti all'interno di una capiente voliera. Vi rimarranno per un periodo di acclimatamento, al termine del quale i grifoni - a coppie - saranno liberati nei pressi del vicino massiccio montuoso di Pizzo Carbonara: un luogo ideale per la nidificazione, ricco di quella fauna selvatica che costituisce il cibo di questi redivivi frequentatori delle montagne siciliane. 



Il progetto di reintroduzione dei grifoni - che potrebbe essere riproposto anche nell'area palermitana della Rocca Busambra - è stato promosso dai Parchi dei Nebrodi e delle Madonie, con il contributo dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia e del Rotary Club Sicilia-Malta, che ha finanziato l'allestimento della voliera.  

UN POETA FINLANDESE E GLI INTERROGATIVI SULL'OSPITALITA' SICILIANA

Il poeta finlandese Yryo Kaijarvi.
Nel 1951 scrisse della Sicilia nell'opera
"Viaggio in Italia".
Foto tratta da "Sicilia Turistica",
luglio-agosto 1954


L'innata ospitalità dei siciliani è uno dei luoghi comuni più radicati nell'opinione dei non siciliani; gli abitanti dell'Isola, esattamente al pari di tutti gli altri italiani, hanno nei confronti dell'ospite un atteggiamento variabile, dettato dalla loro personale affabilità e propensione all'accoglienza. Certo, in Sicilia ci sono fattori culturali ed ambientali che favoriscono la socializzazione tra le persone: il clima generalmente benevolo, i piaceri della gastronomia, le condizioni economiche che limitano modelli e logiche comportamentali a volte distorte dalla quotidianità della civiltà industriale.   Altre volte, l'ospitalità del siciliano si lega al sentimento dell'orgoglio, estremo sostegno a condizioni di vita giudicate svantaggiate ( pensiamo alla frequente necessità dell'emigrazione ): la disponibilità può nascere allora dalla volontà di non deludere le aspettative ed i bisogni del forestiero. 

Foto di Leonardo Von Matt,
pubblicata in "La Sicilia antica",
edito da Stringa Editore Genova nel 1964


In casi limite - come fa dire Leonardo Sciascia ad un Ippolito Nievo scettico dinanzi al servilismo di un barone che accoglie generosamente a pranzo Garibaldi - l'ospitalità può essere generata dal timore ( "Io direi, generale, che quest'uomo ha per noi tutto l'entusiasmo della paura... Mi son fatto ormai opinione sicura sui siciliani: e costui mi pare abbia molto da nascondere, da farsi perdonare; e forse ci odia..." ).



Fra gli stranieri che si sono posti qualche interrogativo sull'ospitalità dei siciliani figura il poeta finlandese Yrjo Kaijarvi. Traduttore nel suo Paese delle opere di Palazzeschi, autore di numerose conferenze sull'Italia in istituti culturali finnici, nel 1938 e nel 1949 viaggiò nell'Isola, riportando le sue impressioni in "Viaggio in Italia" ( Helsinki, 1951 ). In quest'ultimo saggio, Kaijarvi descrisse la Sicilia depressa del secondo dopoguerra; una condizione che appare evidente durante la sua visita ad Agrigento, nel corso della quale il poeta finlandese si imbatte nelle contorte logiche dell'ospitalità siciliana:

"La vita appare meschina e povera. Una profonda tristezza sembra posare su tutto come una pesante nuvola. L'Africa è vicina, là dall'altra parte del mare. Qui molte civiltà accavallatesi, o meglio affiancatesi, ed una più assorbita dell'altra, sono sempre presenti, Oriente e Occidente... L'aria è calda, ho sete, un bicchiere di vino mi farebbe bene, e così lungo la strada che conduce alle rovine del tempio di Giove entro nell'abitazione di un contadino: una desolante stanza di pietra, povera e nuda. 



Chiedo un bicchiere di vino. Egli me ne porta tutta una bottiglia. Quando mi offro di pagargliela, non ne vuol sapere: sono suo ospite. Non mi permette nemmeno di dare qualcosa ai suoi bambini. Grazie, contadino della Valle dei Templi, della tua calda gentilezza. Sembra che l'ospitalità in Sicilia sia una cosa naturale, eppure delicata: la si può facilmente offendere. Mi viene in mente uno studente siciliano conosciuto a Venezia. La seconda volta che ci trovammo andammo a passeggiare e chiacchierare in piazza San Marco, e lo pregai di bere con me un bicchiere di Cinzano. Naturalmente volli ad ogni costo pagare, e mi sentii dire: "Lei mi offende, in Italia lei è mio ospite". Solo dopo molto discutere riuscii a pagare. Un bel gesto? Forse. Forse no"